Grande novità allo skatepark!

0
818

Mini Half-Pipe Outdoor al Parkarità di Villorba

Erano i primi giorni di dicembre 2022 quando sono iniziati i lavori di costruzione della Mini Half-Pipe Outdoor, una struttura da dieci metri di lunghezza, sette di larghezza e uno e mezzo di altezza. L’unica di queste dimensioni, all’esterno e ad accesso gratuito di tutto il Veneto.

Che sia arrivata, lo hanno notato tutti. Quello che non tutti sanno è che non è arrivata al Parkarità Skatepark di Villorba per caso, ma dopo tanti, tantissimi momenti di confronto tra il Progetto Giovani di Villorba (PGV), il gruppo degli/delle skaters che frequentano il park e l’Amministrazione Comunale.

Questo è lo stile che contraddistingue la cooperativa La Esse (gestore del Progetto Giovani) e le scelte della Città di Villorba quando si parla di giovani: la parola devono prenderla gli esperti. Il sindaco Francesco Soligo non ha dubbi su questo: chi meglio degli/delle skaters sa quale struttura sarebbe la più apprezzata e quali debbano essere le dimensioni che la rendono fruibile a tutti?!

La Mini è un tassello in più in un park già ben attrezzato: ci sono un quarter, un bank, una funbox centrale con rail in discesa, un rail in piano e un banchetto. Samuel Bellini è lo skater che in collaborazione con tutto il gruppo ha già costruito un render del progetto finale. I fruitori e le fruitrici del park si aggirano attorno alle 250-300 persone: skaters, riders, pattinatori e pattinatrici in-line, scooteristi. Le età sono le più disparate, si va dai 4 anni ai 40.

Il Parkarità si usa per divertirsi, per imparare (ci sono i corsi skate di Treviso Skateboarding), per allenarsi per gare importanti (abbiamo diversi campioni/campionesse a livello nazionale), per gareggiare (si organizzano contest aperti a tutti/e), per fare eventi (ogni anno c’è il Parcarità Day, con gare, musica, concerti, foodtruck, attività collaterali..), per proiettare corti e video autoprodotti. 

Gli educatori Elisa Zanet e Massimiliano Bredariol, con il supporto della coordinatrice di progetto Nadia Paccagnan sono l’equipe che ad oggi ha in mano le redini del PGV. 

Ne vedremo ancora delle belle!

Instagram
Facebook

Previous article“La lettura come modo di essere”
Next articleQuattro storie per la memoria

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here