La Tana dei Goblin di Treviso

0
416

L’8 dicembre in Biblioteca per il “Trevisoga”

“Ma è tipo Risiko?” Questa è la domanda che alla Tana dei Goblin Treviso, l’associazione di giocatori da tavolo della nostra provincia, si sente formulare più spesso. La Tana si occupa da più di vent’anni di diffondere i giochi da tavolo, o meglio, la cultura dei giochi da tavolo, portando al di fuori delle mura di casa tutti i discendenti dei giochi “classici” che conosciamo.

Non solo astratti, dunque, perché di non soli scacchi si può vivere, ma anche titoli più moderni come Exploding Kittens, Bang, Dixit e Zombicide, e persino giochi ispirati (o che hanno ispirato) famosi videogiochi, come Telesketch, la versione fisica di Gartic Phone, oppure Lupus in Tabula, dal quale è stato tratto l’arcinoto Among Us, senza poi farsi mancare le ultime novità dalle grandi fiere internazionali per quelli che già sguazzano molto bene nel settore.

La ludoteca della Tana dei Goblin, infatti, è in costante aggiornamento con titoli sempre nuovi, ma il materiale più importante di cui dispone rimarrà sempre la conoscenza e la disponibilità dei suoi volontari, che periodicamente organizzano pomeriggi e serate di gioco da tavolo per trasmettere le loro passioni a chiunque voglia imparare.

L’8 dicembre tocca alla Biblioteca Zanzotto essere conquistata dai giocatori vestiti di verde, in occasione del “Trevisoga”, l’evento annuale dedicato al gioco da tavolo giunto alla sua quinta edizione. Le potenzialità della biblioteca verranno ampliate per un giorno, offrendo non più solo libri, ma anche giochi da tavolo in prestito, completi di servizio di spiegazione delle regole. Portate pure amici e parenti, oppure, se volete venire da soli, preparatevi a trovare compagni di gioco improvvisati e scoprire cos’è successo in quasi un secolo di evoluzione del mondo ludico dopo il Monopoly e il Risiko. L’ingresso è gratuito e non richiede prenotazione.

“Sì, ma c’è il Risiko?” Venite a scoprirlo l’8 dicembre, dalle 10.00 alle 18.00 alla biblioteca Zanzotto di Treviso!

Previous article“Ti consiglio un libro…” (0+)
Next article“Treviso città che legge”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here