Il calendario dei colori

0
339

Realizzato dall’Associazione Arzy Ca’ e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Paese

Quali colori usavano gli artisti nel passato, prima che fosse possibile disporre dei tubetti già pronti grazie all’avvento dell’industria? Hai mai visto la preparazione e l’applicazione della tempera a base di tuorlo d’uovo?

Presentazione del progetto. L’Associazione Arzy Ca’ di Paese – con la collaborazione ed il contributo del Comune di Paese e Assessorato alla Cultura – ha ideato e realizzato il Progetto “Calendario dei Colori” lungo tutto l’anno 2022 con la realizzazione di 11 Workshop presso le sedi Auditorium Biblioteca Comunale in Villa Panizza, rivolti principalmente a bambine, bambini e familiari.

Così venivano dipinte tavole, icone e poi tele, dai grandi Maestri della pittura, con una storia che affonda le sue radici nell’antichità e trionfa nel Rinascimento. Opere molto conosciute, come quelle di Giotto, Masaccio, Piero della Francesca, Sandro Botticelli e molti altri, sono state realizzate a tempera e sono bellissime da ammirare dopo diversi secoli!

Il progetto ha portato alla realizzazione di 48 opere partecipate, con le quali sono stati prodotti:

  • Il “Calendario dei Colori 2022” in formato digitale (12 sfondi mensili per smartphone);
  • Il “Calendario dei Colori 2023” in formato cartaceo da appendere, con 12 mesi che raccontano i pigmenti e la loro storia.

Puoi guardare nel video di YouTube come i partecipanti sono stati condotti nel procedimento di preparazione ed applicazione della tempera all’uovo. La tecnica, la tempera cosiddetta “magra”, semplifica fedelmente quanto documentato e spiegato nella fonte bibliografica “Il libro dell’arte” di Cennino Cennini. Quest’ultimo è uno dei più importanti trattati sui mestieri di belle arti, scritto in lingua volgare fra il XIV ed il XV secolo.

E’ in distribuzione il #CalendarioDeiColori #2023 di Arzy Ca’ Vuoi ricevere la tua copia del Calendario dei Colori 2023? Scrivi una mail a: info@arzyca.it

www.arzyca.it – info@arzyca.it
Facebook
Instagram

Previous articleMadame Lorelai: La letterina di Natale
Next articleVilla Guidini e la creatività artistica dei bambini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here