L’igiene orale è alla base della prevenzione!

0
121
Diverse kids learning about dental care

Nella nostra bocca, dopo ogni pasto, si accumula una certa quantità di cibo non ingerito che nel giro di alcune ore viene colonizzato dai batteri presenti nel cavo orale formando la placca batterica.

Nella placca sono presenti i batteri responsabili della carie che, con la produzione di acidi, erodono lo smalto e cariano il dente, portando poi ad una compromissione della salute orale.

E’ chiaro quindi che, per mantenere una bocca sana, è fondamentale rimuovere questa placca con regolarità, prevenendone l’accumulo e l’adesione.

I denti vanno spazzolati fin dalla loro comparsa, anche se purtroppo è ancora opinione diffusa che i denti decidui o “da latte”, essendo provvisori, non siano importanti come i denti definitivi.

I denti da latte, al contrario, svolgono una funzione fondamentale non solo nell’ambito della masticazione dei bambini ma anche nello sviluppo della mandibola e del mascellare superiore, e con essi del volto intero.

Se trascurati si cariano e portano spesso a dolore ed infezioni ricorrenti, per poi essere persi o estratti precocemente con conseguenti importanti problemi di spazio per i denti definitivi.

E’ quindi fondamentale educare i nostri bambini ad avere cura dei loro dentini sin da piccolissimi!

Nel lattante e nei bimbi sotto all’anno di età l’igiene quotidiana si può effettuare passando una garza umida sulle gengive del bambino, subito dopo i pasti; l’importanza di questo gesto, al di là della semplice igiene che può dare, è dovuta alla possibilità di instaurare una memoria che associa il termine dei pasti alla pulizia della bocca.

Dopo i primi mesi di vita, il bambino può iniziare a prendere confidenza con lo spazzolino imitando i genitori, ma ovviamente saranno loro a provvedere all’’igiene orale del piccolo dopo averlo lasciato sperimentare e senza utilizzare dentifricio.

Passato il primo anno il dentifricio può essere introdotto, con una quantità equivalente ad una lenticchia, in ogni caso evitando che il bambino non ne ingerisca eccessivamente.

Il dentifricio dovrebbe contenere fluoro a 1000 ppm e con la crescita del bambino va aumentata anche la quantità, passando a circa il volume di un pisello tra i 3 ed i 6 anni per poi utilizzarne l’equivalente di un fagiolo dopo i 6.

La tecnica di spazzolamento non è fondamentale nei primi anni, la cosa importante è che il bambino si abitui all’utilizzo quotidiano dello spazzolino, soprattutto serale. Fino ai 6-7 anni di età il controllo finale deve essere effettuato da un adulto per poterne garantire l’efficacia.

Il momento della pulizia dei denti dovrebbe entrare a far parte delle normali abitudini della buona notte. Tra i 6 e gli 8 anni va inoltre prestata particolare attenzione ai molari definitivi che erompono proprio a questa età, dietro a tutti i decidui, e che spesso non sono puliti adeguatamente.

Dai 6-7 anni in poi il bambino acquisisce maggiore autonomia e diventa importante l’apprendimento di una corretta tecnica di spazzolamento, che rispetti le gengive e pulisca in maniera approfondita tutte le superfici dei denti. Non dimentichiamoci di far spazzolare anche le facce interne dei denti, non solo quelle esterne o quelle masticanti.

E’ anche importante un regolare controllo dal dentista di fiducia, fin da piccoli, per intercettare eventuali problematiche prima di un aggravamento della situazione, ed avere un adeguato supporto nella prevenzione.

Ivan dr. Gazzola
dr@studiogazzolaortodonzia.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here