Il liceo canossiano di Treviso: un ponte tra diverse culture

0
723

Scambi interculturali con Olanda e Finlandia

Nei primi mesi dell’anno scolastico si sono svolti degli scambi di mobilità internazionale tra gli studenti del Liceo Scientifico Sportivo e Scienze Applicate e del Liceo delle Scienze Umane a indirizzo teatrale dell’Istituto Canossiano “Madonna del Grappa” di Treviso e i giovani di due scuole olandesi e finlandesi. Un’occasione vivace e dinamica che ha visto coinvolti i ragazzi del nostro Istituto in un’esperienza unica che ha lasciato un segno indelebile in entrambe le realtà scolastiche.

Le ragazze e i ragazzi ospitati a Treviso sono stati coinvolti nelle attività didattiche dell’Istituto: dai laboratori di programmazione informatica e di approfondimento scientifico alle attività sportive e teatrali, specifiche degli indirizzi.

Uno spazio speciale è stato poi dedicato alle uscite per far conoscere il territorio nelle sue bellezze e peculiarità. Non è mancato quindi un tour guidato alla città di Treviso per scoprire gli angoli nascosti che ornano la città dipinta e che affascinano l’occhio anche di chi viene da lontano. Dagli affreschi di Treviso Urbs Picta alle visite ai luoghi più suggestivi della vicina Venezia, agli splendori delle Dolomiti, i giovani sono stati accompagnati in stimolanti approfondimenti didattici in un connubio internazionale. Inoltre, anche i ragazzi delle Canossiane sono stati ospitati nelle scuole coinvolte nello scambio, vivendo un’avventura importante che è andata a contraddistinguere il loro percorso scolastico e di vita.

“Non si possono spiegare a parole tutte le sensazioni vissute, è un’esperienza che auguriamo a tutti di fare almeno una volta nella vita, perché non potrà che regalare soddisfazioni”, raccontano Silvia Tronchin, Laura Martorana e Chiara Bettin.

Un’occasione unica si è quindi svolta nell’Istituto Canossiano di Treviso che è stato un vero e proprio ponte interculturale all’insegna di un’educazione inclusiva e aperta alla conoscenza dell’altro e di sé stessi, come ricordano anche gli studenti Francesco Sartor e Jacopo Cipolotti: “Queste esperienze riescono ad aprire il tuo cervello a 360 gradi, dando un punto di vista differente del mondo, lasciandoti un po’ alle redini del tuo futuro”.

Previous articleIl progetto delle Canossiane sulle soft skills
Next articleUn regalo di Natale diverso?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here