Le “Masaccio” sono “Scuola Senza Zaino”

0
79

Il plesso Masaccio è entrato nella rete della Scuola Senza Zaino e gli insegnanti si stanno formando per partire il prossimo anno scolastico con la prima classe della SSZ dell’IC4 Stefanini.

Nel frattempo, nelle attuali classi, si stanno attuando una serie di strategie didattiche legate al metodo.

I bambini trovano a scuola tutti i libri e il setting dell’aula è organizzato in modo tale per cui la cattedra non è frontale e i banchi sono disposti ad isole con al centro tutto il materiale che occorre per svolgere le attività. Ci sono degli spazi predisposti per la lettura, aule tematiche (robotica, informatica, arte e inglese) e ogni mattina si svolge l’accoglienza con il Cerchio del Buongiorno. I bambini vengono considerati nella loro globalità di mente, corpo, relazioni, emozioni e affettività. La didattica è prevalentemente laboratoriale e gli alunni lavorano a gruppi (anche di livello) o a coppie, ognuno con un proprio ruolo. I genitori sono coinvolti nelle iniziative promosse dagli insegnanti o sono essi stessi promotori di iniziative.

Il concorso “Ama il tuo quartiere”

All’interno di quest’ottica di collaborazione, non solo con le famiglie ma anche col territorio, la scuola Masaccio partecipa anche quest’anno al concorso “Ama il tuo quartiere” un’iniziativa che permette ai bambini e alle bambine del comune di Treviso di “essere cittadini e agire il diritto di esprimere il loro pensiero e parere rispetto alla loro vita a scuola, in quartiere e in città”. Il tema selezionato dal plesso Masaccio è “Buone pratiche per vincere il bullismo” in cui si richiede di affrontare con gli alunni una discussione sul tema del bullismo elaborando anche delle strategie per contrastare la problematica.

Le insegnanti hanno scelto di ragionare con i bambini sulla gentilezza, sull’attenzione, la cura e l’accettazione dei compagni per lavorare sulla prevenzione di ogni genere di violenza tra pari, intitolando il progetto “Atti di Bellismo”. Il lavoro dei bambini, che verrà esposto al Museo Bailo di Treviso, sarà composto da fotografie, didascalie e QR code ai quali i visitatori potranno collegarsi per ascoltare i piccoli Podcast esplicativi registrati dagli alunni.

Previous articleTeatro, scelta didattica complementare
Next articleProgetto “1000 passi”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here