San Liberale in art: il ritorno

0
51

Una nuova vita artistica per San Liberale

Franco Fonzo spera che nel 2025 vengano finiti tutti i lavori di risistemazione di via Mantiero.

Lui lo spera perché, (come scritto nel precedente articolo) nel 2016, le opere di Simon Benetton vennero portate via e ne rimase solo una nella rotonda di Via Mantiero.

Questa volta Franco vuole realizzare un museo a cielo aperto in cui le opere di diversi artisti restino esposte in modo permanente. Con il suo progetto, lui vuole riaccendere il quartiere grazie all’arte, così le persone che verranno a visitare il museo a cielo aperto, potranno anche capire che questo quartiere è bello!

Tre artisti hanno già donato alcune loro opere che si aggiungeranno alle “Foglie” l’unica opera di Simon Benetton rimasta nel quartiere; questi artisti sono Achille Costi, Giulia De Serio e Fabio Ceolin.

Achille Costi ha creato “La lettura e il pensiero” che è una scultura di marmo travertino bianco: secondo noi è un’opera importante perché ci ricorda che, attraverso la lettura, scopriamo molte cose e arricchiamo il nostro pensiero di idee che costruiscono e non di idee che distruggono. Noi abbiamo personalmente incontrato questo artista che ci ha presentato le sue opere presenti nella chiesa di San Liberale. Ma di questo incontro vi racconteremo in un nuovo articolo.

Fabio Ceolin ha realizzato “La mano”; questa opera si adatta molto bene anche al murales di G. Vesprini “Insieme”.

Fatta di ferro è molto grande, il suo messaggio è “Diamoci una mano” un invito rivolto a tutti gli uomini ad aiutarsi.

L’ultima artista è Giulia De Serio che ha regalato una scultura chiamata “Totem” fatta da tessere di mosaico colorate che vanno dai colori caldi ai colori freddi e che a noi piace tanto!

Anche noi speriamo che con la realizzazione del museo a cielo aperto vengano tante persone a visitare il quartiere e forse così anche gli abitanti di San Liberale si sentiranno apprezzati e migliorerà l’amicizia tra le persone.

Alessio Svaluto Ferro, Fortunato Dijudjevic, Gabriele Dantone, Giulia Niero, Mariama Keita, Valeriia Kazak
Classe 5^ Scuola Primaria Collodi – I.C.5 “Coletti” Treviso

Le immagini sono state concesse da Franco Fonzo

Previous articleMostra di Simon Benetton
Next articleLa chiesa di San Liberale a Treviso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here