In ricordo del carissimo Aziz

0
689

Aziz è un nome che deriva da una parola araba che significa “caro”, “prezioso”, “forte”.

E proprio così era il nostro Aziz: prezioso, forte, amato e negli ultimi tempi atteso, immensamente atteso da tutti noi per un gioioso ritorno a scuola.

Quest’anno, al ritorno dalle vacanze di Natale ti aspettavamo, già organizzati per accoglierti: una scritta colorata con un gigantesco “BENTORNATO AZIZ” campeggiava di fronte alla classe. I tuoi compagni, con lo spirito di solidarietà e di collaborazione che contraddistinguono la nostra scuola, si erano già proposti di caricarsi sulle spalle il tuo zaino per farti salire le scale più agevolmente, di lasciarti un banco in prima fila affinché tu non ti sforzassi per guardare alla lavagna, di attorniarti del loro calore umano per farti sentire protetto.

Purtroppo le cose sono andate ben diversamente quel 22 gennaio 2024 quando quella terribile notizia ha squarciato il cuore di tutti noi.

E quel cancello verde della scuola, da dove tu entravi sempre felice e sorridente, non sei più riuscito a varcarlo.

A te piaceva stare a scuola, ti piaceva molto. Sempre attento, sempre propositivo, costantemente pronto a condividere le tue conoscenze con gli altri, ad essere d’aiuto ai tuoi compagni, a dare risposte spesso stupefacenti che svelavano la tua intelligenza viva e una volontà senza pari.

E anche quando eri in ospedale continuavi a chiedere alla mamma di poter tornare a scuola con i tuoi compagni e gli insegnanti e ti preoccupavi perfino della fine del quadrimestre, a dimostrazione di quanto scrupoloso e impegnato tu sia sempre stato.

Ti saresti fatto strada nella vita, una strada disseminata di successi guadagnati genuinamente, con la maestà della semplicità e della limpidezza che ti contraddistinguevano.

Per noi insegnanti averti avuto come alunno è stato un grande privilegio: ammirare la tua perspicacia, la tua instancabile voglia di imparare, la tua gentilezza, la tua delicata dolcezza, il tuo coraggio di fronte alle avversità, è stata una lezione di vita.

Giovedì 1° febbraio, insieme a tutti i tuoi compagni ed amici di plesso, dal giardino della Scuola Collodi abbiamo lanciato verso il cielo decine e decine di palloncini bianchi a forma di cuore, per te, solo per te, e abbiamo immaginato che con le tue manine da lassù ti divertissi a raccoglierli, a tenerli stretti al petto, proprio come noi faremo per sempre con te.

E quando in una notte stellata alzeremo gli occhi al cielo e il nostro sguardo sarà catturato dalla stella più bella e lucente del firmamento, sicuramente sarai tu, dolcissimo e preziosissimo Aziz, che con il tuo esempio ci guiderai da lassù.

Insegnante Silvia Marcon
Scuola Primaria Collodi

Previous articleMassaggio al bambino
Next articleConcorso “Ama il tuo quartiere”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here