La musica

0
279

La musica al giorno d’oggi è legata al mondo dei giovani, come dicono da molto tempo musicisti e discografici. Ed è da questo punto di vista che la vorrei analizzare.

La musica è parte della vita quotidiana, non c’è più un momento specifico per ascoltarla… per strada, da e verso scuola, essa ci aiuta a tenerci di buon umore! Si ascolta usando gli auricolari dello smartphone o dell’MP3, facendo diventare note e ritornelli una colonna sonora della nostra giornata. Tra di noi si parla di musica per confrontare idee, conoscenze e vedere quante cose si hanno in comune e magari iniziare anche una grande amicizia. Se ne parla basandoci sugli articoli delle riviste, della tv, di programmi specifici come Sanremo, Amici e Talent musicali atti a scoprire nuovi cantanti, nuovi gruppi e nuovi stili di musica.

La musica fa parte della nostra esperienza di vita, una sorta di casa, dove noi possiamo entrare ed uscire liberamente perché nei testi delle canzoni possono esserci frasi che ci ricordano qualcosa della nostra vita, quasi che l’autore di turno ci possa aver compreso, ci possa consolare dalle delusioni o emozionare: le sensazioni sono diverse a seconda della personalità.

Fra giovani l’approccio che si ha con la musica è diverso a secondo dell’età e soprattutto del sesso, così li vedi spaziare tra house, dance, hip-hop, tekno, rock. Altri preferiscono una musica più soft, mentre alla generazione dei nostri genitori piace la musica anni ’80. Il revival è un modo per sentirsi sempre giovani! Il mondo della musica può diventare un modo per dare sfogo alle emozioni, per rilassarsi, ma anche un modo per diventare una specie di bandiera universale sotto cui si racchiude un esercito di fan di un certo nome di tendenza.

La musica è un’amica silenziosa, capace di darti una mano senza chiedere nulla in cambio.

Charlize Baseggio – 4Dr
ITT “Mazzotti”