Mirela, un cuore per metà “brasileiro”

0
312
Come puoi sapere… con Intercultura!

100AFSnovember2013Come puoi sapere cosa sia un sogno se non ne hai mai fatto uno?

Come puoi sapere cosa sia un’avventura se non ne hai mai vissuta una?

Come puoi sapere cosa sia la diversità  se non hai mai vissuto sotto lo stesso tetto con persone provenienti da tutto il mondo?

Come puoi sapere cosa sia la tolleranza se non ti sei mai dovuto abituare a qualcosa di differente anche se non ti piaceva?

Come puoi sapere cosa sia l’autonomia se non ha mai avuto l’opportunità  di decidere qualcosa da solo?

Come puoi sapere cosa sia la distanza se non hai mai guardato una mappa pensando ”sono davvero cosଠlontano?”

Come puoi sapere cosa sia un’opportunità  se non ne hai mai presa una?

Come puoi sapere quali siano i veri amici se non hai mai vissuto delle circostanze che ti permettessero di capirlo?

Come puoi sapere cosa siano i confini se non hai mai oltrepassato i tuoi per vedere cosa IMG_20150823_214942c’è dall’altra parte?

Come puoi sapere cos’è tutto questo se non sei mai stato un exchange student?

Da sei mesi infatti vivo in Brasile, a Florianà³polis, e sto imparando tutto questo. In questo enorme paese oltreoceano, che non conoscevo assolutamente, sto frequentando la quarta superiore e ho costruito una nuova vita che mi sembra ancora quasi surreale. Sono ospitata da una meravigliosa host family che mi ha accolta a braccia aperte facendomi sentire parte integrante di loro.

Fare un intercambio è essere catapultati in una realtà , un paese, una città  e in una famiglia totalmente sconosciuti. Puಠintimidire, fare paura e mette alla prova tutto quello che si è e si conosce eppure è una delle esperienze migliori che una persona possa fare.

La scuola brasiliana è simile ma al contempo diversa: è tutto pi๠“leggero”, non c’è quella “serietà ” come in Italia, quella paura di avere un certo professore o una certa materia. C’è un rapporto di amicizia tra professori e alunni che rende tutto leggero e simpatico. Il prof, quando entra saluta ed è salutato da abbracci e baci da tutti, da un affetto quasi indescrivibile. Mi ricordo di aver pensato, la prima volta, ”Perchà© si stanno abbracciando?”. Ma va bene cosà¬, la diversità  sta anche in questo. Anche perchà© pur scherzando, ridendo, a volte anche cantando, rimangono dei professori eccellenti e andare a scuola è un vero piacere. Il primo giorno, quando non sapevo nessuna parola in portoghese, tutti i miei nuovi compagni mi hanno accolta facendomi sentire parte di loro, cercando di comunicare in qualsiasi maniera per cercare di conoscere chi ero, da dove venivo e che cosa facevo là . In poco tempo ho scoperto che l’Italia è molto amata e la maggior parte della popolazione qui ha almeno un antenato proveniente dal Bel Paese. Non mi sono mai sentita cosଠfiera di appartenerne.

Questo paese mi sta offrendo tanto e ogni giorno mi innamoro sempre di pi๠di ogni sua sfumatura.

Mi innamoro sempre di pi๠del calore che ogni persona riesce a dare, dell’allegria brasileira, delle meravigliose spiagge che posso raggiungere in pochi minuti da casa mia, delle mille sfumature di verde che mi circondano sempre ovunque io vada, del clima tropicale, della frutta pi๠svariata.

IMG_20151226_225450Mi innamoro ogni giorno di pi๠del portoghese, di questa lingua cosଠmelodica che a volte sembra quasi cantata e i suoi accenti Carioca, Paulista, Nordestino o del mio pi๠familiare Manezàªs.

Mi sono innamorata della Bossa Nova e del Samba che ovviamente sto imparando a ballare, dei diversi stili di musica di cui il Brasile è cosଠricco. Per non parlare poi del maestoso Carnevale, a cui ho assistito finalmente dal vivo. I carri allegorici, la sfilata dei sambisti in elaboratissimi costumi al ritmo del Pandeiro, il tipico tamburino usato per la melodia.

Fare un intercambio mi ha permesso di capire che la bellezza sta proprio nella diversità . Mi ha permesso di capire cosa significhi famiglia e che casa non è dove si trova la nostra abitazione, ma dove si trovano i nostri cari.

Mi ha permesso di fare amicizia con persone provenienti dagli angoli pi๠disparati del Mondo, facendomi riconsiderare lo spazio: la Terra oggi mi sembra pi๠piccola perch੠adesso ho amici sparsi ovunque.

La possibilità  di vivere tutto questo l’ho avuta solo grazie a Intercultura, che mi ha permesso di partire alla volta di questa avventura e non potrei essere pi๠felice nel sapere che davanti a me ho ancora 4 mesi del mio intercambio.

à‰ stato difficile lasciare famiglia e amici ma rifarei tutto da capo se potessi, lo rifarei altre mille volte perchà© quello che sto vivendo lo porterಠsempre nel mio cuore, che ora è in parte anche brasileiro.

Mirela Mihaela Cretu